Opzioni binarie: un complesso prodotto finanziario nel mirino

© pizuttipics – Fotolia.com

© pizuttipics – Fotolia.com

Il trading sta riscuotendo sempre più successo anche tra gli investitori privati e nelle riviste di settore si parla molto soprattutto di un prodotto finanziario in particolare: le opzioni binarie.

Le opzioni binarie stanno divenendo sempre più popolari e ovviamente c’è un motivo. La ragione principale che spinge molti investitori a specializzarsi nelle opzioni binarie è la semplicità. Questo tipo di opzioni sono particolarmente facili da comprendere e da maneggiare. In sostanza ci sono solo due possibilità: puntare sulla crescita o sul calo. L’opzione digitale, come vengono altresì chiamate le opzioni binarie, è connessa ad una precisa data di scadenza che determinerà la vincita o la perdita. Se ad esempio puntate sulla crescita, allora per vincere entro la scadenza dell’opzione il valore del bene deve essere salito; viceversa nel caso puntiate sul calo.

Con le opzioni binarie si effettua un investimento indiretto, cioè si scommette su un bene finanziario sotteso. Può trattarsi di una coppia valutaria come l’EURUSD, un azione, un indice azionario, o persino una materia prima come oro, argento e petrolio. In questo modo il trader può disporre di ampie possibilità di investimento che tramite le opzioni binarie possono diversificarsi in larga misura, dalle strategie hedging alle più blande speculazioni.
Anche se operare con questo prodotto finanziario è in effetti molto semplice, realizzare dei guadagni duraturi richiede un grado maggiore di conoscenza, disciplina e l’applicazione di strategie più o meno complesse. Qui di seguito troverete cenni agli sviluppi di questa materia.

Analisi tecnica e analisi fondamentale

© Dzianis Rakhuba – Fotolia.com

© Dzianis Rakhuba – Fotolia.com

Prima di poter cominciare con il trading dovrete decidere quale tecnica di analisi vorrete adottare. Può trattarsi dell’analisi tecnica, dell’analisi fondamentale o di una combinazione di entrambe.

L’analisi tecnica consiste nell’esame di grafici e figure. Di questo tipo di analisi i detrattori dicono talvolta che non è altro che un confuso abracadabra, ma un esame più approfondito consente di realizzare che l’analisi tecnica in realtà funziona. Essa si basa infatti su principi psicologici che vengono espressi astrattamente sui grafici. Come sicuramente già sapete: la finanza è in gran parte un fenomeno psicologico.

L’analisi fondamentale, invece, si basa su principi nettamente diversi. A grandi linee, si tratta di individuare dei dati rilevanti in ambito sociale o economico e di verificare la loro influenza sul bene finanziario in questione.

La gestione del denaro

© apops – Fotolia.com

© apops – Fotolia.com

Un altro punto importante riguarda come gestire il proprio capitale, cioè a quale grado di rischio vi disponete. Molti principianti non considerano affatto la questione e finiscono col perdere spesso tutto il proprio capitale, poiché senza misure adeguate per la gestione del rischio non è possibile realizzare guadagni duraturi. È bene investire in una singola operazione solo cifre comprese tra lo 0,5 e i 3 per cento del capitale totale. Ciò non significa che, se ad esempio operate con €10.000 dobbiate aprire solo posizioni da €300, ma in ciascuna operazione non dovreste mettere in pericolo più di €300. Potete perciò avviare un’operazione per €5.000, a patto che siate sicuri che la possibile perdita non superi i €300. Una spiegazione più accurata è disponibile su Opzionibinarieitalia.net. Se sarete sufficientemente disciplinati e saprete mettere in uso i semplice principi della materia, allora non perderete mai tutto il vostro capitale e vi rimarrà margine sufficiente per praticare e imparare il trading.

Aspettative di vincita

A quanto ammontano le possibilità di guadagno per le opzioni binarie? Si pubblicizzano sempre cifre strabilianti, come 80%, ma è davvero così?
Le cifre annunciate sono corrette, ma occorre non dimenticare che si tratta di operazioni “tutto o niente”. O si vince oppure si perde l’intera somma investita. Ecco perché bisogna sempre puntare una minima parte del proprio capitale complessivo (non oltre il 3%).

Andiamo ora a esaminare un piccolo esempio. Il broker paga l’80% per ogni operazione portata a buon fine. Il vostro capitale è di €10.000 e in virtù delle 1000 operazioni già effettuate sapete che con la vostra strategia vincete circa in due operazioni su tre. Siete ben disciplinati nella gestione del denaro e perciò non puntate più di €300. Perciò la vostra possibilità di vincita è di ( 2/3 * 0,8 * €300) – ( 1/3 * €300) = 60 euro. Per ogni operazione, quindi, guadagnate 60 euro. Si tratta comunque di un dato puramente statistico e potrebbe anche capitare che perdiate per 10 operazioni di seguito. Nel lungo termine, però, questo non cambia le vostre aspettative di vincita.

Conclusione

Le opzioni binarie sono un prodotto finanziario innovativo e molto semplice, e pertanto anche molto apprezzato. Non ci si deve però illudere, perché realizzare veramente dei guadagni duraturi non è affatto facile. Ciò è dovuto soprattutto al fatto che si necessita di una probabilità di vincita piuttosto elevata per poter avere successo frequentemente. Per ottenere ciò è necessaria la giusta strategia, ma in questa sede purtroppo non possiamo ancora rivelarvela.

Fonti:

http://it.wikipedia.org/wiki/Opzione_binaria
http://it.finance.yahoo.com/q?s=EURUSD=X
http://www.amazon.it/finanziari-Metodologie-applicazioni-strategie-operative/dp/8820328933/ref=sr_1_fkmr0_1?ie=UTF8&qid=1383038125&sr=8-1-fkmr0&keywords=John+J.+Murphy+und+Hartmut+Sieper+von+FinanzBuch+Verlag+%281.+April+2006%29
http://analisifondamentale.investireoggi.it/
http://opzionibinarieitalia.net/strategia/gestione-del-rischio-e-del-denaro/